2008-04-13

memento

"Tutto ciò che è abituale intesse attorno a noi una rete di ragnatele che diventa sempre più salda; e ben tosto ci accorgiamo che i fili sono diventati corde e che noi vi stiamo in mezzo come un ragno che vi si sia impigliato e che debba nutrirsi del suo stesso sangue.

Perciò lo spirito libero odia tutte le abitudini e regole, tutto ciò che è durevole e definitivo, perciò lacera sempre di nuovo, con dolore, la rete intorno a sè: benchè in conseguenza di ciò sia destinato a soffrire di numerose, piccole e grandi ferite, giacchè quei fili egli li deve strappare da sè, dal proprio corpo."

F. Nietzsche. Umano, troppo umano, 1878

Nessun commento: