2008-01-23

niente di noto

A ridosso delle feste, ho pensato di farmi delle analisi. Un semplice check up. Proprio una bella idea.

Il mio medico guarda i risultati, e sbianca. Prima mi fa delle domande imbarazzanti (ti droghi? hai avuto rapporti sessuali non protetti in paesi esotici?), e fin lì te la cavi con ironia.
- "no, non me lo posso permettere."
- "faccio solo sesso orale. Ne parlo soltanto."

Poi decide di calare l'asso del medico, quello che funziona sempre.
Bevi ? Fumi ? E sono sbiancato io.

- "Ma io mi sento bene !!!!"
Apprendo che lo fa. Alle volte, lo fa...

Decide: "prima di procedere ad esami invasivi, facciamo un controllo più approfondito..."
Allora mi faccio un day hospital, dove mi spremono come un limone, in attesa di un intervento d'urgenza.
Arrivano ancora tardivi auguri di buon anno. Non riesco a rispondere.

Dopo due giorni, viene il chirurgo.
Mi guarda un po' come disgustato, e con fastidio mi dice: "dagli esami non risulta niente di significativo. Può andare".

Posso andare... Allora, sto bene ?
No. Si. Non si sa. Non hanno trovato niente di noto.

ETICA DELLA COMUNICAZIONE MEDICA. La comunicazione è uno strumento fondamentale del rapporto medico-malato. Questo, a sua volta, è l’aspetto caratterizzante di ogni medicina efficace.


Ma vaffanculo
.

Nessun commento: